Il ritorno dell’agnello

BlogLibriMusica

Fabio Ranghieroby:

E’ sicuramente uno dei Concept-Album più misteriosi, almeno per quel che riguarda la trama e i testi. “Merito” di Peter Gabriel che scrisse le parole di tutti brani del doppio Album, pubblicato il 18 novembre 1974.

Divise e continua a dividere i fans, per il sottoscritto è l’apice (leggasi “capolavoro”) dei veri Genesis, “quelli con Peter Gabriel”, “i favolosi 5” che hanno scritto molte delle pagine musicali più belle dei primi anni 70 (“Foxtrot” “Nursery Cryme” Trespass” “Selling England by the Pound”).

Non è mai troppo tardi per ascoltarlo la prima volta, non è mai troppo tardo per riascoltarlo e provare ad entrare nel labirinto dei testi che nemmeno lo stesso autore ha saputo spiegare con chiarezza.

L’occasione è l’uscita di un libro che esce proprio oggi (presentazione a Milano presso la Santeria Toscana): “Genesis. The Lamb” il titolo, scritto e curato da Mino Profumo e Jon Kirkman (presentazione di Carlo Massarini).

Grazie a questo libro, gli estimatori dei Genesis hanno a disposizione una narrazione completa ed esaustiva di quel tour leggendario: una raccolta di splendide immagini mai viste, capaci di restituire la complessità e l’energia di quel live, ma anche un’intensa serie di preziosi contributi di testimoni d’eccezione come Carlo Massarini e Armando Gallo, di retroscena raccontati da protagonisti come Steve Hackett, di attente ricostruzioni di esperti del calibro di Mino Profumo e Serge Morissette e di insostituibili interventi come quello di Aubrey Powell di Hipgnosis, il quale ha scelto di condividere per la prima volta ben otto pagine di appunti che lo stesso Peter Gabriel gli scrisse per guidarlo nella realizzazione della copertina del disco, più una settantina di scatti preparatori del tutto inediti.

Disponibile nella sua forma cartacea e non, ovunque.

Tenete d’occhio i programmi di Radio Noventa, sicuramente parlermo in modo approfondito di questo Album che ha fatto la storia della musica.

Scrivi un commento

CARICO...