Le Avventure di Pinocchio

ArteBlogLibri

Radio Noventaby:

Tutte le illustrazioni di “Radio Noventa legge Pinocchio” sono di Federica Scala

Una scelta coraggiosa per Radio Noventa. A novembre, a musica spenta, abbiamo cominciato a pensare a tutte le cose che si possono fare senza, aspettando il momento del ritorno.
Alcune cose già le potete scoprire, jmolte altre arriveranno. Una delle proposte più interessanti è quella che trovate qui sotto: leggere. Ed il “Pinocchio” di Collodi è lettura per tutti, grandi e piccini. Da una proposta di Federica – che ha deciso di intrattenerci aspettando il ritorno di Tenera è la Sera –  ecco “Radio Noventa Legge” (e in previsione avrà ulteriori sviluppi). Ogni settimana due capitoli, alla fine avrete un vero e proprio AUDIOLIBRO.

Mi accingo a leggervi con immenso piacere quello che è universalmente riconosciuto come il più grande capolavoro della letteratura per l’infanzia italiano “Le avventure di Pinocchio” storia di un burattino, di Carlo Collodi.  Mi vergogno un po’ a confessare che solo ora ho letto la storia che avevo visto nella versione disneyana e nel bel film di Comencini. Sono rimasta folgorata dal testo, dalla genialità fantastica, dal nascosto e a volte ironico carattere educativo, dalla gioia e dal buono che trasmette. Voglio riportare un appunto che trovo nella prefazione di Francesco Merlo, dopo aver ricordato che si ritrova “Pinocchio” nelle più disparate forme d’arte, canzoni, film, pittura ..”non trionfa nella scuola italiana, dove non è ancora un testo di studio e di lettura accanto ai Promessi Sposi . Se l’opera manzoniana è il rigore, il grembo ,la palestra della lingua, Pinocchio è l’alimento, la sostanza, il viaggio della fantasia”. Carlo Lorenzini ,nasce a Firenze il 24 novembre del 1826d da famiglia umile, studierà in seminario e dopo aver collaborato in qualche giornale fiorentino fonda “Il lampione”, poi sostituito da “La scaramuccia”. Collaborerà con molti giornali, scriverà romanzi e drammi teatrali assumendo lo pseudonimo di Collodi dal nome del borgo natio della madre. Nel 1875 un editore fiorentino gli commissionò la traduzione delle fiabe di Perrault, lavoro che molto probabilmente lo portò a dedicarsi quindi alla letteratura per ragazzi. Morirà a Firenze il 26 ottobre 1890.

Buon ascolto e buon viaggio!

Federica

Scrivi un commento

CARICO...