Con i Blink-182 ‘Nine’

BlogMusica

Corrado Baùby:

Dopo quasi un anno andiamo a riscoprire l’album dei tre ragazzi di San Diego che facevano pop-punk.

Aprire una nuova fase: non una seconda giovinezza, perché nessuno – purtroppo o per fortuna – può rimanere giovane per sempre, ma un riassetto, soprattutto della propria scrittura: i Blink-182 ci sono riusciti.
Ormai il peggio è passato. Dare un seguito al primo difficile album con Skiba al posto di Tom DeLonge poteva rappresentare un bel problema. Perché gli anni passano, e quando una formula – pur di estremo successo – viene reiterata troppe volte, inevitabilmente si esaurisce. L’abilità del trio di San Diego nell’assemblare il nuovo album “Nine” è stata ripartire dalle macerie del proprio successo.
Prima ancora della produzione, infatti, è il songwriting che marca la differenza tra i Blink di oggi e quelli del passato: in questo senso l’ingresso di Skiba, tecnicamente più preparato di DeLonge, ha permesso a Travis Barker di riprogettare da zero le fondamenta ritmiche dei brani, inserendo finalmente i propri beat spezzati in modo organico nei brani e non come semplice orpello per spezzare la noia dei quattro quarti canonici.

Non è un album stilisticamente uniforme “Nine”, eppure suona compatto, omogeneo e coerente: dal quasi hardcore di “Generational Divide” alla ballad “I Really Wish I Hated You”, passando per il punk rock ammiccante di “Pin the Grenade” e “Ramson”, quest’ultima sorta di ponte tra i Blink di “Miss You” e quelli nuovi di “Black Rain”, le quindici nuovo tracce fissate su nastro da Hoppus, Skiba e Barker restituiscono l’immagine di un gruppo rigenerato, che nonostante il passato importante non ha alcuna intenzione di considerarsi reduce o superstite. E che, soprattutto, sente di non avere conti in sospeso con nessuno, in primis con i propri fan della prima ora: se è vero che la consacrazione definitiva, per un artista, è sancita dall’inizio del ricambio generazionale nella propria platea, quella aperta da “Nine” potrebbe essere una stagione cruciale per i Blink, dopo la quale nessuno potrebbe essere più lo stesso.

Blink-182 hanno pubblicato in questo periodo il video di “Happy days”, traccia contenuta nell’ album della band californiana. La clip, realizzata durante la quarantena, presenta immagini dei fan – invitati dal gruppo a contribuire – che documentano le loro giornate in questo periodo caratterizzato dall’emergenza Coronavirus e filmati dei componenti del trio di San Diego impegnati a eseguire il brano direttamente da casa loro.

Scrivi un commento

CARICO...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: