¡POP CORN! & Bugiardo Bugiardo

BlogCinemaRecensioni

Fabio Sossellaby:

TITOLO DEL FILM: BUGIARDO BUGIARDO
ATTORI PRINCIPALI: JIM CARREY, JENNIFER TILLY, AMANDA DONOHOE, SARA PAXTON
ANNO DI USCITA NELLE SALE ITALIANE: 1997
GENERE: COMMEDIA

 

TRAMA
Fletcher è un avvocato quasi infallibile, disposto a tutto pur di ottenere ogni singolo successo in un aula di Tribunale. Stessa cosa non si può dire nella vita privata, nella quale è divorziato e con un figlio a cui manca molto la presenza paterna; Fletcher, infatti, non disdegna mentire in molte occasioni per mancare agli appuntamenti ludici con il figlio. L’apice di questa situazione si raggiunge al compleanno del figlio, alla quale, nonostante la promessa, non si presenta, inventando l’ennesima bugia “da quattro soldi”. Quando è il momento di soffiare sulle candeline e di esprimere il desiderio, Max (il figlio), chiude gli occhi e:

“…vorrei che, per un giorno intero, mio padre dicesse solo la verità…”

Quel che capita è incredibile, Fletcher non è più in grado di mentire su nulla. Come può andare la vita di un avvocato abituato a mentire che non è più capace di farlo?

 

GIUDIZIO PERSONALE
Dopo Ace Ventura e The Mask, l’attore con la più grande mimica facciale di tutti i tempi, torna da protagonista in una commedia, e, per la prima volta, si presenta senza parrucca e dando meno risalto alle sue esilaranti espressioni del viso. Penso che Jim Carrey in questo caso abbia pagato la grande voglia di cavalcare il successo e mettersi subito di nuovo in gioco con un’inedita interpretazione. Nulla da dire sull’interpretazione da parte degli attori, anzi, credo che, in molte circostanze, le risate siano da attribuire al grande lavoro di Jim rispetto al film in sè. La trama è a dir poco banale, e, già nel momento in cui viene espresso quel desiderio maledetto, sapevi dove sarebbe andato a finire il film. Il regista si mette al servizio di Carrey in maniera esagerata, e affronta un tema delicato come il distacco padre-figlio in maniera fin troppo demenziale, con una comicità che alla lunga diventa decisamente ripetitiva e noiosa. Il finale, come ogni singolo istante del resto del film, è scontato e senza nessun avvenimento degno di nota. “Bugiardo Bugiardo” è un film che ha come unico punto di forza la presenza di Jim Carrey, e, osservata la trama, la regia e ogni particolare, mi sento di dire che non ne merita nemmeno la presenza.

BOCCIATO!

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

 

//www.youtube.com/watch?v=dfQgyTaM5bU

Scrivi un commento

CARICO...