Verranno a chiederti del nostro Faber

BlogMusicaRecensioni

Giulia Amadioby:

E’ uscito lo scorso venerdì 26 aprile l’album tributo “Faber Nostrum”, dedicato all’intramontabile Fabrizio de Andrè. Si tratta di una raccolta di 15 cover del cantautore genovese riarrangiate dai gruppi della scena pop, rock e indie italiana.
Massimo Bonelli di iCompany ha coordinato il progetto musicale, condiviso dalla Fondazione Fabrizio De André e fortemente voluto dalla compagna dell’artista.

Un lavoro che coinvolge anche i giovanissimi, ed è forse proprio questo che va ad esaltare il senso di “nostrum”: nonostante siano passati vent’anni dalla morte di Faber, il grande mito non è mai passato.
E’ significativo che sia proprio una generazione giovane a dedicargli un tributo, tutto ciò indica che Faber non è solo da riscoprire, ma da vivere.
Così vediamo – o meglio, sentiamo – Gazzelle, Ex-Otago, Canova, Motta, Pinguini Tattici Nucleari, convertire De Andrè al loro stile, ma non per snaturarlo, anzi, portandolo alla sua dimensione più propria, ovvero a quella dimensione di estro e innovatività che hanno fatto del cantautore il cantautore per eccellenza.
Attraverso questo disco, De Andrè vive e continua ad appartenere a quella generazione universale che è il genere umano.

TRACKLIST
01. Sally (Gazzelle)
02. Amore che vieni, amore che vai (Ex-Otago)
03. Il bombarolo (Willie Peyote)
04. Il suonatore Jones (Canova)
05. Canzone per l’estate (CIMINI feat. Lo Stato Sociale)
06. Inverno (Ministri)
07. Canzone dell’amore perduto (Colapesce)
08. Se ti tagliassero a pezzetti (The Leading Guy)
09. Verranno a chiederti del nostro amore (Motta)
10. La canzone di Marinella (La Municipàl)
11. Rimini (Fadi)
12. Hotel Supramonte (Zen Circus)
13. Fiume Sand Creek (Pinguini Tattici Nucleari)
14. Cantico dei drogati (Artù)
15. Smisurata preghiera (Vasco Brondi)

Scrivi un commento

CARICO...