Yotam Silberstein, una chitarra al Pedrocchi

BlogEventi LocaliMusica

Fabio Ranghieroby:

Con il concerto del chitarrista Yotam Silberstein di mercoledì 6 novembre, l’edizione 2019 del Padova Jazz Festival si insedia per la prima volta al Caffè Pedrocchi. Il format della serata sarà quello di un elegante jazz club, con possibilità di cenare (alle ore 20). Il concerto, a ingresso gratuito, inizierà alle 21:30 e catapulterà gli ascoltatori nel più vivace e attuale intendimento della tradizione jazzistica scaturita dal bop. Silberstein sarà alla guida di un quartetto completato da Vitor Goncalves (pianoforte e fisarmonica), Petros Klampanis (contrabbasso) e Daniel Dor (batteria).

Sempre al Pedrocchi, nel pomeriggio, alle ore 18:30, Claudio Sessa (introdotto da Stefano Merighi) presenterà il libro di Alan Lomax Mister Jelly Roll. Vita, fortune e disavventure di Jelly Roll Morton, creolo di New Orleans, “Inventore del Jazz”.

Sbarcato a New York nel 2005 dopo essere emerso come un prodigio sulla scena del suo paese, il chitarrista israeliano Yotam Silberstein si è rapidamente imposto come un nuovo talento delle linee boppistiche dall’incredibile versatilità (jazz swingante e moderno, musica brasiliana e world, blues). Nel giro di pochi anni è stato convocato da una notevole serie di leader di prima grandezza: James Moody, i fratelli Heath, Paquito D’Rivera, Monty Alexander, Roy Hargrove, Dee Dee Bridgewater, Al Jarreau, Janis Siegel, ed è stato arruolato nella Dizzy Gillespie Alumni All Star Big Band. Significative le sue collaborazioni con il pianista Aaron Goldberg e con John Patitucci, del quale è da tempo il chitarrista di riferimento.

I suoi dischi da leader mettono in risalto un virtuosismo tale da donare un’inedita freschezza e una gioiosa fiammata dinamica anche ai fraseggi ispirazione classica.

Scrivi un commento

CARICO...